Pubblicato in: Senza categoria

Vi presento Anselmo, il mio cavernoma


Buonasera miei cari spelacchiati, come state?
Per me è un periodo turbolento. Che poi che razza di parola è “turbolento”? O ha il turbo o è lento, no?
Ma lasciamo perdere e procediamo, che sarà un lungo post molto strano.

Stasera voglio farvi conoscere Anselmo.
Anselmo è con me da parecchio tempo, solo che io non lo sapevo; lui mi avrà guardata combinare ogni vaccata possibile e immaginabile fino ad averne le balle piene, tanto che un mese fa è esploso.
Anselmo è il mio cavernoma cerebrale, colui che mi ha provocato l’emorragia e mi sta facendo vivere una vita molto bizzarra da un mese e mezzo a questa parte.


Per colpa di Anselmo non posso prendere il sole, non posso viaggiare in aereo, non posso fare sforzi fisici e non posso nemmeno emozionarmi troppo, perché lui è un tipo tranquillo e queste cose lo disturbano, e credetemi non voglio disturbarlo mai più.

Anselmo, poi, è un tipetto bizzarro. Diciamo che è un po’ imprevedibile, potrebbe andare su tutte le furie e decidere di esplodere di nuovo da un momento all’altro, e allora sarebbe mio compito correre in pronto soccorso dove stavolta, vedendo i miei trascorsi, non mi farebbero stare dieci ore ad aspettare ma mi darebbero subito qualcosa per placare la sua ira funesta.

Io ho provato a convincerlo: “Anselmo, eddai, possiamo vivere un sacco di cose belle insieme, il mio amico ha già fatto i biglietti aerei nominativi per la Sicilia… E poi potremmo andare in Sardegna col Batterino… O in montagna, sai, al fresco…
Niente, non vuole saperne.
Potremmo diventare a-a-abbronzatissimi, dei fichi incredibili, sai quel bel colorito di chi sta dieci ore in piscina con un cocktail ghiacciato sotto al sole” ma niente, nemmeno quello lo convince molto.

Temo che le nostre strade dovranno dividersi.
E’ probabile che tra un mesetto, dopo un’altra angiografia ed un’altra risonanza magnetica, un team di medici dovranno farmi un foro nel cervello e tirar fuori Anselmo cercando di non fare danni nel mentre, passando qua e là nella mia materia grigia. Non che ce ne sia molta, lo so, però è comunque un’operazione delicata, Anselmo non è mica uno che si arrende facilmente, e dei rischi ci saranno. Insomma, non siamo felicissimi di separarci ma ormai è chiaro che lui non voglia più stare nel mio cranio, ha assistito a troppe mie scemenze. Lo capisco.

Beh miei cari spelacchiati, cerco di prenderla a ridere però ogni giorno una decina di minuti di pianto patetico sulla spalla del Batterino mi scappa perché c’ho ‘na fifa incredibile. Non fosse per il mio Batterino non so bene cosa farei in questa situazione, è incredibile quanto stia facendo per me.
Non ho mai subito operazioni quindi partire con una al cervello direi che mi temprerà come il fuoco di mille battaglie, tipo Xena Principessa Guerriera.
In più ho questa sensazione di essere un peso per tutti, perché da quando sono tornata a casa i miei amici vengono quasi ogni giorno a turno a tenermi compagnia e giocare a giochi scemi per non farmi pensare troppo, sapendo che quando io penso è la fine, e mi sento in colpa nei loro confronti per essere così bisognosa.

Ovviamente per mesi e mesi a venire non potrò lavorare, il che mi pone in una situazione piuttosto di cacca economicamente parlando: non c’ho una lira, ma per stare al passo coi tempi dico che non c’ho un euro.
Sono sempre sotto calmanti quindi pure studiare è un’impresa titanica, direi che sta andando tutto alla grande.

Insomma questi sono i miei aggiornamenti per ora, spero che voi ve la passiate un pochetto meglio di me che tra un po’ mi ritroverò con metà testa rasata e penso sarà uno spettacolo agghiacciante perché mi si vedrà ancora di più la faccia, che io cerco sempre di nascondere coi capelli tipo Samara. A volte vorrei pure vivere dentro un pozzo.

Basta ammorbarvi, vi saluto con un bacione calorosissimo da parte mia e di Anselmo, che sotto sotto è un bravino.
Voi raccontatemi tutto quello che volete, così mi distraggo un po’, e giuro che risponderò ad ogni singolo commento perché vi trascuro troppo quando in realtà vi voglio bene e mi state vicini come degli amici in carne ed ossa.
HASTA LA PASTA!

Autore:

Simpatica come una piaga da decupito e fine come un babbuino che si gratta il sedere. Se vi va di scambiare quattro chiacchiere, mandarmi mail minatorie o proporre una bevuta insieme: pensierispelacchiati@gmail.com

26 pensieri riguardo “Vi presento Anselmo, il mio cavernoma

  1. Ciao Sara, tu non ci ammorbi mai anzi è proprio il contrario, ho sempre letto molto volentieri i tuoi post voglio dirti che ti sono vicino e penso molto alla tua situazione lo so con queste parole non ti tiro su piuttosto è l’inverso, ma le tue parole mi hanno rattristato molto perché ti considero una cara amica. Ti faccio i miei auguri veri e spontanei e ti voglio leggere ancora e sempre. Buona vita.

    "Mi piace"

  2. Ti leggo sempre ma commento poco. Mi dispiace per quello che stai passando, insomma per Anselmo. In bocca al lupo per l’operazione e ti abbraccio forte. Comunque, il fatto di scrivere in momenti in cui si ha paura, oppure si è tristi, può aiutare parecchio: parlo per esperienza personale.

    "Mi piace"

  3. Ciao Sara, tu di materia grigia ne hai tanta e sei una tosta. Capisco che tu sia spaventata, ma sono certa che andrà tutto bene. Lo so, suona banale, io in ospedale ci sono stata un sacco di volte e ho sempre vinto. Quindi di sicuro vincerai tu e ad Anselmo diremo ciao ciao.
    Ti abbraccio forte ❤️

    "Mi piace"

  4. Non è da tutti parlare in modo così aperto (e simpatico!) di qualcosa che fa tanta paura: complimenti Sara, credo che tu sia più forte di quanto pensi! Ti siamo tutti vicini e ti aspettiamo 🤗😘

    "Mi piace"

  5. Vorrei ricordarti soltanto un vecchio detto, riadattato al tuo caso: Anselmo abbaia, ma la carovana passa lo stesso. Quindi è nell’ordine delle cose che tu possa continuare il tuo viaggio, lasciandoti alle spalle il suddetto Anselmo.

    "Mi piace"

  6. Ciao Sara.
    Proprio vero, la vita è sempre imprevedibile, come un giro sulle montagne russe (anche se non si può più pronunciare la parola “russe”), e noi ci martoriamo per smussare e accelerare le salite e rallentare le discese.
    Magari con l’aiuto di qualche camice bianco veramente preparato e caritatevole.
    Ecco, ti auguro di trovare il tuo SCB “Santo Camice Bianco” che sappia coscienziosamente stabilire se operare o no, e in caso affermativo, saper fare un lavoro coi controfiocchi.
    Un abbraccio e in culo alla Balena !

    "Mi piace"

  7. Il mio commento non ti farà schizzare di gioia ma un pochetto penso potrà farti sentire meglio… Tieni conto che se fossi io a dovermi operare al cervello secondo me avrei lo 0,0001% di possibilità di salvarmi. Perché ho un organismo tutto strano che solitamente non tollera neppure una goccia di acqua minerale (ferrarelle) figuriamoci se potrei superare un’operazione di chissà quanto tempo… Mi immagino la scena… L’operazione non è neppure iniziata che vado subito in coma. Il medico domanda? Ma che succede, che gli avete fatto a questo?! Niente, solo l’anestesia! Spariamoglia subito l’adrenalina nel cuore! Poco dopo però: dottore, il paziente si riprende… Ah, bene… Però ora gli sta venendo un infarto! Ma che cazz…!
    E dire che io non mi metterei mai in queste condizioni e sicuramente avrei spiegato per filo e per segno le cose strane che ho… ma sono sicuro che i medici non ascolterebbero…
    Bene. Per concludere, una barzelletta. Quanti draghi ci vogliono per cambiare una lampadina? Due! Uno sale sulla sedia con la lampadina in mano, e l’altro gira la sedia su cui è salito! 😉

    "Mi piace"

  8. Ho adorato il tuo modo di raccontare una cosa così grave e pesante. Secondo me Anselmo sarà felice di andar via, visto che tanto lì non sta bene… e di solito quando non si sta bene da qualche parte si vuole andar via no?
    Scherzi a parte, ti auguro che vada tutto bene e che presto presto potrai riprendere tutti gli aerei del mondo ❤

    "Mi piace"

  9. Mi dispiace tanto, sono cose che nessuno meriterebbe mai di passare; ti auguro che vada tutto benissimo e che si possa risolvere tutto solo con un grande spavento! Alla fine è giusto che le strade si separino, se la convivenza diventa così tossica, e quella con Anselmo mi sembra proprio lo sia, e non significa che non ci si debba più sentire: magari una volta fuori dal tuo cranio e in giro per il mondo continuerà a tenersi in contatto, magari scriverà o manderà qualche cartolina da in giro per il mondo chissà, magari una volta uscito anche il rapporto tra di voi potrebbe migliorare.
    Comunque direi che questo Anselmo è proprio un rompiscatole, che oltretutto si autoinvita non richiesto nella testa della gente, per cui cacciarlo a pedate è davvero il minimo. Buona fortuna, sono sicuro che ne uscirai vittoriosa!

    "Mi piace"

  10. Anche io ho passato la mia e ci ho scherzato sopra…e anche io ho avuto paura ma x fortuna fra notizia e intervento sono solo passati 2 giorni x cui nn ho potuto pensarci troppo. Ti auguro ogni bene. Un abbraccio

    "Mi piace"

  11. Orpo, che situazione non piacevole. Sarebbe il caso di dare lo sfratto ad Anselmo, affinché tu possa tornare padrona dei tuoi spelacchiati luoghi cerebrali. In bocca al lupo ❤ (e in groppa al riccio, come si diceva nella mia università durante il Cretaceo Inferiore)

    "Mi piace"

  12. ciao Sara, mi dispiace tanto, ma spero che l’operazione sia risolutiva. capisco che tu ti senta in colpa, ma non devi: non è un momento facile, e chi ti ama è lì per te, ti sta vicino esattamente come faresti tu a parti invertite, e non penseresti che gli altri dovrebbero sentirsi in colpa, giusto? un abbraccio grande, aggiornaci quando puoi

    "Mi piace"

    1. mi associo al viandante, che ha detto quello che avrei voluto scriverti io, ma l’ha fatto prima e meglio. Abbi fiducia nei tuoi medici, sanno di avere una persona preziosa tra le mani. Un in bocca al lupo grande come una casa e tienici informati.

      Piace a 2 people

  13. Holy shit, Sara. Come si permette questo Anselmo di piazzarsi abusivamente nelle teste altrui e fare pure casino? Ci credo che hai una fifa blu: non è bello sapere che la tua materia grigia verrà ravanata per tirare fuori Anselmo… Quindi fatti coccolare, senza sensi di colpa. E in bocca al lupo per tutto quanto!💚💚💚

    "Mi piace"

  14. Sono sicura che per quanto questo Anselmo sia un tipo tosto, tu lo sia molto, ma molto di più! Ti mando un abbraccio supermega e sappi che sei d’esempio e di ispirazione con la tua energia e autoironia in ognj situazione! 🧡

    "Mi piace"

  15. Spero vada bene l’operazione e che Anselmo non ti crei troppi problemi, anche se un po’ di casotto l’ha combinato. Per il resto, personalmente non sono una tipa fortunata, però solitamente agli altri la porto, tipo quando entro in un negozio vuoto dopo di me entrano flotte di gente così dal nulla. Puoi prenderti tutta quella che ti serve (che a quanto pare per gli altri sono sempre carica).
    Non vedo l’ora di leggere di quando sarai tornata alla “normalità”.
    Buona fortuna in tutto! ❤️

    Piace a 1 persona

  16. Ti leggo qui dopo aver saputo di Anselmo altrove, dove dici che la situazione pare meglio di quanto sembrasse. Volevo leggerte te “prima”, per capire meglio. E ti vedo uguale (perdonami la “e” dopo il punto, ma è necessaria): la stessa forza, la stessa ironia (e chi diamine lo avrebbe chiamato Anselmo?). La stessa scrittura che si legge così volentieri. Avanti, forza!
    Con tanta simpatia.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...