Pubblicato in: http://schemas.google.com/blogger/2008/kind#post, Jerez, Jorge Lorenzo, Marc Marquez, MotoGP, Motomondiale, Pagelle, valentino Rossi

Pagellando la MotoGP #Jerez c’è. O era Ceres?

Nuovo weekend di MotoGP, si sbarca in Europa, precisamente a Jerez, e faremo meglio a goderci il fuso orario “comodo” perché quando correranno dall’altra parte del mondo ci saranno da fare alzatacce per guardare le gare (o fare slalom gigantesco su internet per evitare gli spoiler sulla gara per poi recuperarla per vie traverse)

Ma restiamo in Spagna e partiamo dalle qualifiche. E che qualifiche.
Il nome che spicca è il solito: Casey Stoner.

Sto scherzando, smettetela di corrugare la fronte che vi vengono le rughe.
Ovviamente si parla di MARC MARQUEZ, un nome una garanzia.
Ormai il ventunenne ha deciso di battere ogni record possibile e immaginabile e sfondare qualunque barriera, gli manca solo quella corallina ed è a posto.

Mezzo secondo più veloce di Lorenzo che già aveva fatto un tempissimo… Come fa a fare queste cose lo sa solo lui, ma una cosa è certa: va eliminato. Non si può monopolizzare così il motomondiale, bannatelo dalle gare per un po’, trovategli una ragazza!

in quel caso


Il resto della prima fila è occupata da Lorenzo e Pedrosa, il primo che si è impegnato come un forsennato per piazzarsi bene e già progetta la sua partenza a razzo per seminare il resto del mondo (o almeno dei piloti) alla prima curva -possibilmente senza spiaccicarsi nel tentativo- l’altro che come al solito se la scialla e darà il massimo in gara perchè lui può e tanto Jerez gli è amica.
Dietro ci sono Rossi, Aleix Espargaro e Dovizioso, su di loro niente da dire.
Crutchlow con la mano ancora in rottamazione partirà addirittura da Barcellona con Iannone al seguito.

Passiamo a domenica: tutti sulla griglia a sudare allegramente in attesa della partenza.
I semafori si spengono e succede l’impensabile: Marquez parte bene e Lorenzo male.
Forse il mondo per un attimo ha anche preso a girare al contrario.
L’inizio è un po’ un macello, chi si supera, chi si tocca, chi diventa una fetta di prosciutto motorizzata perchè si ritrova tra due moto, sembra di essere in autostrada il primo di agosto…In tutto questo si distanziano i quattro pilotanti di Jerez: Marquez, Rossi, Lorenzo e Pedrosa.


Che sorpresona, eh? A parte i primi minuti di assestamento la situazione è già chiara e Marquez dopo un paio di giri è già lontano anni luce, lasciando i restanti tre a battagliare, o ad aspettare di battagliare visto che nessuno fa niente per un sacco di giri. 
Pirro cade al ventiquattresimo giro, Crutchlow a un certo punto decide saggiamente di uscire dalla gara per non rischiare di spiattellarsi da qualche parte causa freni problematici e cerca di distruggere la moto a pugni mentre torna al box, Iannone si da alle capriole sulla sabbia fregandosene della gara, e davanti ancora non succede una mazza.
Marquez ormai ha finito la gara e sta già correndo per quella dell’anno prossimo, Valentino non si schioda dalla sua seconda posizione neanche a sparargli, l’unico colpo di scena per niente colpo di scena perchè ce lo aspettavamo tutti è il sorpasso di Dani su Jorge che spedisce il maiorchino nelle retrovie.

Marc “cosa corro a fare” Marquez: Non classificabile.Perché è un fuoriclasse.
Ora, non so se è la sua Honda a fare miracoli o  lui che è una forma di vita ancora da analizzare, ma una cosa è certa: l’unico modo per fermarlo credo sia sparargli un sedativo a inizio gara o farlo correre su un monociclo. (e anche così potrebbe ancora sorprenderci)
Parte bene, sfreccia via dopo pochissimo e quando arriva al traguardo ha ancora il tempo di andare a bere un caffè, cambiarsi e far evolvere il suo Pikachu al gameboy prima che gli altri arrivino. Allucinante.
100esimo GP, quarta vittoria su quattro, sta ammazzando il mondiale a colpi di sorriso…

Valentino “lentino un cazzo” Rossi: 10.
Dall’inizio alla fine è stato lì, una cozza attaccata (più o meno dai) allo scoglio Marquez facendo marameo a tutti gli altri. Grande The Doctor, e per una volta non parlo di Doctor Who.


100 al rapporto meraviglioso che hanno Marc e Valentino.

Dani “they touched my 2nd place (but I don’t care)” Pedrosa: 6.5
Insomma, mi aspettavo un Dani molto più agguerrito per il suo secondo posto, non può farselo portare via così!! Ormai sono un tutt’uno, se facessimo il test di Rorschach (quello in cui ti dicono una parola e tu devi dire la prima cosa che ti viene in mente) e dicessero “secondo posto” tutti risponderemmo “Pedrosa” e viceversa.
E poi diciamocelo, con la moto che ha potrebbe fare di più e rompere le balle al suo compagno di giochi arancione…


Jorge “e naufragar mi è dolce in questo Jerez” Lorenzo: 6.
Appena sufficiente. Quarto posto eh, ma si vedeva che stava agonizzando in mezzo al niente…Il gladiatore ha lasciato la corazza a casa.
Parte male, per ventisette giri non si sa cosa gli prenda e quando Pedrosa cerca di sorpassarlo lui per poco non si sposta per lasciarlo passare, mi aspettavo un “prego, vai pure che arrivi tardi”… Forse pensava già alla sbornia da prendere per festeggiare i 27 anni.
Qualifiche pazzesche gara tristina, riprenditi che qua abbiamo bisogno di qualcuno che movimenti le gare. E poi tifo per te.

Comunque tanti auguri ❤

Dovizioso ma che, credevate fosse finita?!” 7.5!!!
Stavamo tutti esultando per Marc che aveva tagliato il traguardo da mezz’ora quando SBAAAAAAAM Dovizioso si infila all’ultimo per strapparsi la quinta posizione. Bravo!!!

Gara noiosa anche per gli altri, e dire che mi aspettavo grandi cose… Terribili, ma grandi -cit a caso di Harry Potter-.


See ya later, alligator! Prossima tappa Le Mans, au revoir! (studio lingue, lasciatemele almeno usare…)

Pubblicato in: Commenti stupidi, http://schemas.google.com/blogger/2008/kind#post, Jorge Lorenzo, Marc Marquez, MotoGP, Motomondiale, Pagelle

Pagellando la MotoGP #1 Rio Honda. Ehm, volevo dire hondo!



 Marc “corro da solo” Marquez: +∞ 
Tre su tre. Più il mondiale dell’anno scorso. PORCA VACCA.
La moto sarà spettacolare, ma il pilota anche e il risultato è esplosivo. Partito malino ma “tanto chissenefrega rimonto in un nanosecondo”, si è dato a sorpassi su sorpassi fino a trovarsi dietro a Jorge. Ma dietro ci rimane poco e al decimo giro come se nulla fosse lo passa, gli fa “ciao ciao” con la mano e arriva al traguardo mentre gli altri si stanno chiedendo cosa sia successo.
Ventun anni. VENTUNO. E guida come se fosse nato su quella Honda.
A-l-l-u-c-i-n-a-n-t-e.
Voto 10 per il suo sorriso contagioso. Vederlo ridere su podio mette gioia a priori, chiunque si tifi. E anche per la pubblicità della GAS, che mi fa sempre un po’ svalvolare.
Sposami
Jorge “sono una molla” Lorenzo: 9 tondo tondo.
Altro che false partenze e cadute ad cazzum, Lorenzo is back.
Parte a razzo e finisce il primo giro mentre gli altri sono ancora ai box a cambiarsi, poi tiene un passo di gara molto buono per tutto il circuito; ma con le Honda non ce n’è per nessuno, gladiatore compreso, e troppo presto sente una musica incalzate: quella de “Lo squalo”. E’ Marquez che avanza, solo che al posto della pinna ha il casco arancione che sfavilla al sole.
Jorge vede qualcosa passargli accanto, pensa forse che sia un riverbero del sole e invece è Marc che gli passa davanti a caso perché può e lui si ritrova secondo. E poi terzo quando Pedrosa rivendica la seconda posizione che ormai per usucapione è sua.
Jorge ha fatto tutto ciò che era in suo potere. Terza posizione meritatissima, e se ha fatto questo senza essere in forma smagliante… Go 99, go!!
Ps: 9 anche per aver risposto al “finalmente” ironico e irritante dell’intervistatore in modo cortese dicendo che sono state solo due le gare “perse”. Io sarei rimontata sulla moto e lo avrei investito.

Dani “don’t touch my 2nd place” Pedrosa: 8.
Meriterebbe di più forse ma non me la sento, un po’ perché tifo per Lorenzo perchè ci aspettiamo tutti di più dall’inizio alla fine. Partenza nella norma, rimonta un po’ alla volta e per un po’ noi ci chiediamo “supererà o non supererà, è questo il problema?”, poi il piccoletto si rende conto che, cazzo, la tuta di quello che sta davanti non è arancione ma blu e quindi quel marrano di Lorenzo sta cercando di fregargli il suo posto da eterno secondo e questo è inaccettabile, quindi mette il turbo, supera Lorenzo e il 26 riesce a stare davanti senza neanche troppa fatica.
E CI MANCHEREBBE, visto il mezzo che si ritrova. Bravo, ma avrebbe potuto fare di più e lo ammette anche lui. Dai che Jerez è tua amica, vogliamo vederti brillare.

Valentino “dove mi trovo” Rossi: 7.
Vale, hai un bastone? Sei davanti al mare? Non credo. Non si aprono i piloti al tuo passaggio, è una gara! Cosa avrebbe dovuto fare Bradl? E cos’avrebbe fatto lui se fosse stato Bradl? La stessa cosa.
Quindi anche senza che i commentatori montino le cose come pare a loro, Rossi comprensibilmente si lamenta del tempo perso causa rosso-nero Stefan ma il punto è che non è stata irregolare l’entrata di Bradl. Aggressiva okay, ma niente di drammatico. Alla prossima, Vale, sei libero di sfrangarlo come se non ci sia un domani (Guido Meda mi manca un sacco.)
Il suo passo è stato buonissimo e su questo non ci piove, ma te ne fai una cippa se non riesci a stare davanti (Bradl a parte). Da inizio mondiale continua a dire “eh sarei stato davanti se…”, vediamo di eliminare questi “se”!

Cattivissimo” Bradl e Iannone: 7.
Aggressive!Stefan ci piace!! Magari senza rischiare di far spiaccicare qualcuno, ma vai bene così. ❤
Iannone idem, bella gara, ci siete piaciuti tanto tanto.

Io darei anche un 4 ai commentatori di Sky. Cioè mi danno il nervoso e mi annoiano allo stesso tempo, il che è impegnativo quindi alzo il voto a 5.