Pubblicato in: Antonio Banderas, Mulino Bianco, nervoso, pubblicità del cavolo, random

Sventolando Banderas bianca


Devo ammettere che con i titoli idioti sono presa bene in questo periodo.
Sarà la febbre? Mi sarò bruciata gli unici neuroni che mi erano rimasti?
Comunque sia, ho deciso: oggi mi libero di un peso enorme, che mi porto dentro da mesi.

Devo esprimermi perchè è da quando l’ho vista che qualcosa dentro di me si è 
incrinato per sempre, irrimediabilmente.

Lo sguardo di un uomo che ha perso la dignità

Sto parlando della pubblicità della Mulino Bianco con Banderas.

Antonio. 

Tonio non Cartonio. 
Cosa stai facendo?
Perchè tu che potresti fare qualunque cosa pubblicizzi biscotti ?E’ la crisi di mezza età? Hai guardato troppo Masterchef? Credi di essere il Buddy Valastro dei poveri? Sei il Boss dei Biscotti?

Fossero pubblicità serie okay. Tipo quelle delle auto, che non capisci cosa si stia pubblicizzando finchè alla fine non appare la marca dell’auto con la scritta “a soli dieci centesimi all’anno per il resto della tua vita e di quella dei tuoi nipoti“. O quella dei profumi, in cui succedono le peggio cose, tu non ci capisci niente ma almeno ti godi il figo di turno.
E invece sono pubblicità irritanti in cui fa espressioni assurde e parla con un volatile.
Zorro casalingo, quello che mai avremmo voluto vedere. Desperate Housezorro.


E poi parliamone, uno spot lo potevo capire e accettare.
Quando l’ho visto la prima volta, superato lo sconcerto iniziale, ho pensato “massì, probabilmente gli hanno offerto un boato di soldi e una fornitura a vita di biscotti, e non si può dire di no ai biscotti.”
Ma questa è diventata una saga che neanche Le Cronache del Ghiaccio e del fuoco! Anche tu Tonio come George “sono un fetente” Martin rischi di morire prima che questa serie finisca!
E prima sei alla macina, poi incontri bambini idioti, poi fai cadere le fette biscottate per terra che se ci fosse mia mamma ti prenderebbe a schiaffi perché togliere la marmellata dal tappeto è un dramma, poi consoli un pennuto che si sente rifiutato, nella prossima realizzi di essere un cretinetti e mandi Rosita nell’inceneritore?


Non voglio parlare oltre della gallina, mi rifiuto proprio. Dico solo che potevi prenderti la Canalis a questo punto tanto il quoziente intellettivo più o meno era lo stesso.

L’occhio di Sauron ha una nuova sede

Ah poi vorrei chiedere una cosa. 
Cosa minchia significa che cuoci i biscotti al vapore “così hanno meno calorie”?
Mi stai dicendo che se cuocio al vapore il barattolo premium della Nutella, quello da cinque chili, posso mangiarlo senza assumere le dimensioni di Moby Dick?
Qualcuno che si intende di cucina (io è già tanto se riesco a riscaldarmi la pizza surgelata senza bruciarla, per intenderci) può dirmi se ha vagamente senso? Perchè io posso capire la differenza tra il cotto al forno e il fritto, ma per me la distinzione finisce lì. (tral’altro la mia filosofia di vita è “fritto è buono”)
Ultima domanda, giuro: Antonio, il cervello te lo sei cotto al vapore, lo hai fritto o in un guizzo di fantasia te lo sei frullato?


Credo che il mio accanimento sia dovuto alla psicosi che sta prendendo le star negli ultimi tempi.

Cioè io accendo la tv e mi ritrovo Robert DeNiro (e Matthew McConaughey ma chissenefrega di lui) ad “Amici”, Orlando Bloom a “C’è posta per te”, Banderas che sforna biscotti neanche fosse la Pavesi, Owen Wilson che pubblicizza il Crodino… Noi vi rivogliamo al cinema!!!! 
(se la mia professoressa di letteratura inglese vedesse quattro punti esclamativi mi prenderebbe per i capelli e mi lancerebbe dalla finestra come fa la signorina Trinciabue in “Matilda sei mitica”)
Propongo come trend mondiale di twitter #AntonioSfornaciUnFilm.
Ho concluso vostro onore.

Autore:

Simpatica come una piaga da decupito e fine come un babbuino che si gratta il sedere. Se vi va di scambiare quattro chiacchiere, mandarmi mail minatorie o proporre una bevuta insieme: pensierispelacchiati@gmail.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...