Pubblicato in: Senza categoria

Ciance sparse: periodo bizzarro


Aaaah che bello, Spelacchiati miei.
Non so voi, ma io apro Instagram e vedo le foto di mia sorella in Sicilia con le chiappe al sole, mia cugina a Timbuctu che non so nemmeno dove si trovi sulla cartina, il fratello del fornaio a Ibiza perché è un pacchiano, il carpentiere spaparanzato alle Hawaii, il tagliaerba che fino a ieri mi scassava lu cazzo facendomi venire un’allergia indegna abbarbicato all’Himalaya… E io?
Io sto a casa, a prendermi una miriade di gocce e pastiglie, con un cappello di paglia sulla capoccia ogni volta che esco di casa.

Cioè, ragazzi miei, capite la situazione..? ho dovuto comprare un cappello di paglia.
Io.

IO, UN CAPPELLO DI PAGLIA

MA STIAMO SCHERZANDO?

Sembro un ignobile mix tra Sampei e Guendalina Bla Bla, l’oca degli Aristogatti. 

‘Na roba atroce, paro ancora più scema del solito, e vi assicuro che già di solito sembro molto scema.

Un cappello di paglia… Ma vaffanculo, Anselmo, non solo alberghi nella mia capoccia ma mi fai pure comprare cose che minano la mia bellezza. Oddio, minano la mia bellezza… minano quel che c’è, dai.
Che forse ora che ci penso una cosa che mi copre un po’ la faccia non può che abbellirmi.

Come avrete forse intuito da questo flusso di incoscienza sto un po’ uscendo di senno (di seno no, già non ce n’è, se ne esco pure è la fine) perché il pensiero che possa cogliermi un’emorragia cerebrale da un momento all’altro un po’ mi turba e un po’ mi condiziona, ma non come il condizionatore in sala che almeno mi da delle gioie, mi condiziona in negativo facendomi evitare un sacco di cose e di situazioni.
Oh sia chiaro, Anselmo o non Anselmo, operazione o non operazione io a luglio andrò al concerto di Harry Styles e chiunque provi a fermarmi pagherà con la vita. O con la Visa, che sarebbe pure meglio visto che sono povera come la mierda.

Però me la passo bene. Cioè sto facendo la vita da pensionata a ventisette anni, quindi un sogno, suppongo.

A parte tutti gli intrugli che devo prendere, cerco di fare quaranta minuti al giorno di ginnastica blanda, e io vi chiedo: non vi viene proprio in mente la vecchiaia a sentire il termine “ginnastica blanda”? Che poi la mia neurochirurga deve dirmi che cazzo è la ginnastica blanda, ma blanda cosa, chi, come che razza di aggettivo è?
Orblando Bloom. Così, a caso, solo per scrivere scemenze.
Quindi niente, cammino sul posto e agito le braccia come un gabbiano un po’ monco nella speranza che basti a non farmi diventare un tricheco in questo periodo allucinante di attesa in cui non posso fare molto.

Il 13 luglio farò nuovamente la risonanza magnetica e l’angiografia, il che significa che dovrò passare una notte in ospedale perché, per chi non lo sapesse, per farmi l’angiografia devono infilarmi una cannuccetta nell’arteria della coscia e poi devo starmene 24 ore ferma immobile perché c’è il rischio che mi si riapra il foro.
Tutto molto bello e interessante, neh?

Pensate un mese e mezzo fa la mia gioia nel dover usare la padella per la prima volta nella mia vita per fare pipì, pensavo di spargere urina ovunque, una sensazione stranissima.
Tra l’altro in tutto ciò visto che sono stata ricoverata all’improvviso la situazione peluria nella zona inguinale ve la lascio immaginare, non so come abbiano fatto a non usare le cesoie per farsi strada tra i peli.
Maròòòò regà ma quanto vi sto disgustando con questo post? Se vedo che calano i followers saprò di essermelo meritata.

E niente, in tutto ciò io e il Batterino stiamo benissimo, lui è l’unica persona con cui riesco a piangere pensando alla mia situazione e tutte le incertezze del futuro e lui ha la pazienza e la forza di sopportarmi e farmi sentire meglio.
Per contro io mi ascolto giornalmente le sue crisi di nervi legate al lavoro, quindi secondo me siamo abbastanza pari.

Scusate questo post sconclusionato, sono un po’ esagitata in questo periodo. Passo dall’euforia alla stanchezza mortale in due secondi, il prossimo post giusto sarà più strutturato e penso parlerò di un po’ di prodotti e libri che mi stanno tenendo compagnia in questi giorni.

Voi come ve la passate? Cosa combinerete quest’estate? Vi state già grigliando al sole? Fatemi sapere, così anche se io non potrò andare da nessuna parte sognerò i vostri viaggi!
Hasta la pasta

Autore:

Simpatica come una piaga da decupito e fine come un babbuino che si gratta il sedere. Se vi va di scambiare quattro chiacchiere, mandarmi mail minatorie o proporre una bevuta insieme: pensierispelacchiati@gmail.com

27 pensieri riguardo “Ciance sparse: periodo bizzarro

      1. Ma figurati ❤️ anche io ti considero un’amica e ne sono felice 😃 credimi, mi dispiace che tu debba ancora combattere contro Anselmo, se ti potessi dare una mano ✋️ per abbatterlo, lo farei volentieri!
        Un abbraccio e sono con te! 🥰

        "Mi piace"

  1. Ma benvenuta nel club dei vecchi, Saretta! Hai vinto ricchi bingo e cojon! Io lo frequento da anni, questo club, sono un membro “anziano”, una specie di sommo maestro. Conosco tutti i trucchetti. Quindi, se ti serve qualcosa a te, che sei nuova, fai pure un fischio: accorrerò all’istante in tuo soccorso. Non so, potremmo parlare di come andare al ristorante ogni venti anni e campare strafelici! Oppure come avere un controllo maniacale sul proprio corpo in modo da capire al volo cosa devi fare o non fare o smettere di fare… 😉
    Dici che hai imparato a usare la padella? Vedi che esperienze straordinarie e atipiche ti fa fare Anselmo! A me per esempio questa manca. Sei fortunata! Ah, ma tanto prima o poi toccherà pure a me, sai! 😉
    Dai, su con la vita, non è la fine del mondo la cosa che ti è successa. Nella vita occorre sempre adattarsi…
    Vedrai che molte cose andranno meglio col tempo…
    Cerca di essere positiva (ma non al covid)!

    PS: ma che occhi grandi che ti sono venuti!

    "Mi piace"

  2. “sto facendo la vita da pensionata a ventisette anni, quindi un sogno, suppongo.” … adoro le persone ironiche ed autoironiche, soprattutto quando riescono a farti sorridere nonostante tutto vada male. La foto poi è top. 😀 In bocca al lupo per tutto e non vedo l’ora di leggere il tuo prossimo articolo!

    "Mi piace"

  3. Dai il cappello è molto carino e son sicura che ti sta pure bene! Pensa se dovevi mettere il cappello di lana di ‘sta stagione! Anselmo sarebbe stato molto più molesto! 😛
    Ti mando un forte forte abbraccio Sara! Perché leggere i tuoi post fa sempre scappare un sorriso! 🙂

    "Mi piace"

  4. Dai che il tuo delirare è un bellissimo segnale. quello che stai tornando la Sara che ha iniziato questo blog e che tutti noi adoriamo! XD Tanti auguri di in bocca al lupo per tutti gli esami, speriamo vada tutto bene. Io, comunque sono in campeggio… Nella cameretta di casa mia. Mi sono beccato il covid (dopo due anni e mezzo e quando la prima ondata non mi aveva neppure sfiorato, che praticamente dormo abbracciato all’ospedale di Alzano… Ma si può essere più strani?) e da un paio di sere dormo separato da mia moglie per non contagiarla. Nulla di che, praticamente sono già senza sintomi e ora passo le giornate isolato a leggere… Un saluto!

    "Mi piace"

  5. Caspita, che calvario infinito; però, per cercare il bicchiere mezzo pieno, per il momento mi sembra che le cose stiano andando bene, per cui festeggerei quello! Evviva! La cosa importante è che Anselmo stia buono buono e attenda pazientemente di essere rimosso, cosa che mi sembra stia succedendo. Per la vita da pensionata, dai, almeno ti rilassi e riposi: non sarà la cosa più divertente del mondo ma se è sufficiente questo per stare bene allora sotto con il relax e la ginnastica blanda (che è un’espressione assurda, concordo).
    Io ho appena finito il concorso scuola e mi restano tre settimane di lavoro prima della disoccupazione, per cui comincio solo adesso a origliarmi al sole: sto già progettando la prima gita al lago, spero di trovare qualcuno che venga con me tra le mie scarse relazioni sociali IRL.
    Ti mando un grosso abbraccio e ti auguro il meglio per gli esami che ti aspettano; in bocca al lupo!

    "Mi piace"

  6. Che bello rileggerti Sara! Mi fa piacere leggere che Anselmo se n’è stato buono e che ti sei pure presa un cappello di paglia che, ti dirò, a dispetto delle tue rimostranze, secondo me ha il suo perché. La ginnastica blanda mi fa venire a mente il modo in cui si dovrebbe fare ginnastica, cioè senza partire con quei cardio massacranti che poi devi stare ferma un mese perché i muscoli proprio non ce la fanno a ripetere l’esperienza in meno tempo.

    "Mi piace"

  7. Il cappello di paglia è un mito assoluto per chi ha vissuto «È quasi magia Johnny», cioè «Orange Road»: lo indossa Madoka Ayukawa (quella che in italiano era Sabrina) la prima volta che la vediamo… e Madoka Ayukawa è forse la patonza più strabiliante dell’animazione giapponese… sicché io mi ispirerei a lei piuttosto che a Sampei!

    "Mi piace"

  8. Cara Saretta, come dicevo a una mia amica, è arrivato un tuo like ad un articolo da me pubblicato e intanto ti ringrazio! 🌷 poi, essendo dona, la curiosità fa parte della nostra indole, perciò mi ci son buttata anch’io dentro del tuo e ho letto l’ultimo articolo pubblicato, ma non ho capito più di tanto. Ma stranamente m’ha invaso un brivido
    perché purtroppo ho capito subito. E non posso fare altro che darti il benvenuto nel clan! e sai una cosa? Mi mancava qualcuno che aldilà delle difficoltà, possa portare un pò d’ironia e far sorridere, non è di tutti e ne abbiamo bisogno più che mai!!
    Perciò, mi raccomando, quando esci, metti bene il cappello che da sempre un tocco chic e sorridi anche sé, più d’una volta a casa e da sole, piangiamo.
    Forza!!! 🌷🌷🌷
    Ps. Non dico la frase infame ” andrà tutto bene ” , vedi un pò come siamo messi 😉

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...